A tu per tu con suor Monia Alfieri – NON LASCIAMO SOLI I DISABILI.

Progetto senza titolo

Con l’on. Giusy Versace e la partecipazione del Ministro per le disabilità, sen. Erika Stefani.

Puntata di giovedì 24 giugno, ore 16.30

ASCOLTA IL PODCAST

Accessibilità, qualità della vita, parità di partecipazione alla vita sociale e democratica del Paese. Sono questi gli obiettivi da perseguire per superare le barriere che costituiscono un impedimento alla vita dei disabili, e delle loro famiglie: perché la disabilità non è una condizione meramente personale, ma investe tutta la famiglia. In questo senso, se ai 7,5 milioni di disabili italiani aggiungiamo i rispettivi nuclei familiari, possiamo affermare che circa un terzo della popolazione italiana ogni giorno deve confrontarsi con problematiche di varia natura relative alla condizione di disabilità: ecco perché l’approvazione della legge sui caregiver familiari dovrebbe diventare una priorità per il nostro Parlamento.

Il mondo della disabilità è estremamente variegato, poichè le categorie di persone coinvolte sono diverse e diverse sono le problematiche da risolvere. Il Ministero per le disabilità da questo punto di vista sta svolgendo un importante ruolo di raccordo tra i diversi Ministeri coinvolti, per proporre una tabella di marcia concretamente realizzabile. E’ una questione di “metodo” – ha fatto presente suor Monia – che denota un approccio diverso e più maturo rispetto al passato. Il banco di prova sarà l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Ringraziamo vivamente il Ministro Erika Stefani, per il tempo che ci ha dedicato e le preziose informazioni che ci ha fornito.

Buon ascolto…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.