Futuro chiama Europa, con Luisa Regimenti – DIRITTI DELLE DONNE: LA TURCHIA FUORI DALLA CONVENZIONE DI ISTANBUL.

istanbul-convention

Con l’on. Luisa Regimenti, europarlamentare Gruppo PPE – Forza Italia.

Puntata di martedì 13 luglio, ore 16.00

ASCOLTA IL PODCAST

La Convenzione di Istanbul, approvata dal Consiglio dei Ministri del Consiglio d’Europa il 7 aprile 2011, rappresenta una pietra miliare nella lotta alla violenza sulle donne. A dieci anni dalla sua approvazione la Turchia è passata dall’essere il primo Paese ad avere ratificato la Convenzione a diventare il primo Stato ad averla “ripudiata”. Si tratta indubbiamente di un enorme passo indietro che rischia di compromette la protezione delle donne e, purtroppo, altri Governi stanno pensando di seguire l’esempio della Turchia. Questa volta, però, stiamo parlando di Paesi membri della UE, come Polonia e Ungheria.

Oggi più che mai, quindi, l’Europa deve dare prova di essere dalla parte delle donne e mettere in campo tutte le necessarie iniziative per rafforzare le politiche a favore delle donne e contro ogni forma di discriminazione e violenza. In questa direzione va letta l’approvazione a larghissima maggioranza di un progetto di relazione sull’impatto della violenza domestica e dei diritti di affidamento su donne e bambini, avvenuta in queste ore nelle Commissioni congiunte JURI e FEMM del Parlamento europeo, di cui proprio l’on. Luisa Regimenti è una delle relatici. La strada da percorrere è ancora molto lunga, ma c’è la volontà e la determinazione a non arretrare di un passo sui diritti e le tutele delle donne.

Buon ascolto…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.