Il decreto rilancio alla sua prima prova parlamentare: l’informativa del Premier Conte

ore. 11.00 - In Parlamento
In politica nulla accade per caso. L’informativa di questa mattina del Presidente del Consiglio Conte doveva essere il primo momento di confronto tra maggioranza e opposizione sul “decreto rilancio”. Com’è finita? L’attenzione mediatica si è focalizzata sulla polemica innescata dal M5S sul “caso Lombardia”, quando invece in questo momento gli italiani hanno bisogno di conoscere in concreto le misure economiche dispiegate negli oltre 255 articoli del decreto rilancio. In questo video Sparlamento vi propone la “ricostruzione” di quanto avvenuto, soprattutto riporta gli interventi delle opposizioni e della maggioranza sul merito del decreto. A quanto pare sono state stanziate più risorse per il bonus monopattini che per i disabili. A quanto pare l’abolizione dell’Irap riguarda soltanto una rata. A quanto pare le priorità del PD e di Italia Viva in questo tragico momento riguardano gli esami di maturità, i centri estivi per i bambini e la parità salariale tra uomini e donne. Di altro questa mattina in concreto non si è parlato. Ancora una volta il “gioco mediatico” ha messo in ombra i contenuti della politica, o peggio ha evitato che gli italiani si potessero accorgere che nel periodo più tragico per il nostro Paese sono propri i contenuti politici a mancare. Vi invito a non cadere in questi tranelli studiati a tavolino, e a chiedere spiegazioni alla politica tutta sul suo operato. Le risorse contenute in questo decreto non sono “a costo zero”, le ripagheremo tutti a suon di tasse a partire dal prossimo anno. Assicuriamoci che siano realmente risorse necessarie e propedeutiche a superare l’emergenza causata dalla pandemia.
 
 
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.