L’ALLARME DEL SETTORE FIERISTICO: SENZA INTERVENTI COSTRETTI A SVENDERE A COMPETITOR STRANIERI.

712-siumb-FILEminimizer

Audizione parlamentare del presidente di AEFI – Associazione Esposizioni e Fiere italiane, Maurizio Danese . Camera deputati martedì 3 novembre 2020.

Il sistema fieristico italiano vale 60 miliardi all’anno. La cifra si duplica se si tiene conto dell’indotto diretto (allestitori, fornitori,catering, ecc), e arriva a decuplicarsi nelle città dove si svolgono le manifestazioni. Rappresenta un settore economico strategico di fondamentale importanza, tant’è che il 50% delle esportazioni nascono da contatti avvenuti nell’ambito fieristico. Il presidente dell’ AEFI – Associazione Esposizioni e Fiere italiane, MaurizioDanese, lo scorso martedì alla Camera ha lanciato un allarme alla politica. Nel 2020 il comparto fieristico chiuderà con una perdita di fatturato dell’80%. Senza un sostegno “a fondo perduto” molte società saranno costrette a portare i Libri in Tribunale, oppure a svendere l’attività. “Le società fieristiche italiane saranno facile preda di strutture straniere” – ha dichiarato il presidente Danese – soprattutto di Francia e Germania e Cina, paesi che credono molto nel settore fieristico. Se perdiamo le Fiere a favore di competitor stranieri, non so quali obiettivi avranno questi governi a sviluppare il made in Italy nel mondo”. A destabilizzare il sistema è soprattutto l’incertezza legislativa. Un caso eclatante ha riguardato la Fiera di Parma: 60 mila metri di fiera allestiti e smantellati il giorno prima dell’apertura, in ragione dell’entrata in vigore del penultimo Dpcm. Le perdite economiche sono state enormi. Le risorse messe a disposizione dal Governo, inoltre, non sono ancora fruibili, dacché mancano i decreti attuativi. Nel video la sintesi dell’audizione del presidente di AEFI, Maurizio Danese.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.