NON ERA AMORE

Copia di per ammazzarti maglio

PER AMMAZZARTI MEGLIO – CON ILARIA BONUCCELLI.

ASCOLTA IL PODCAST
ILARIA BONUCCELLI

Lea è una giovane ragazza di diciotto anni. Incontra un ragazzo di cui si innamora, e inizia una relazione. Conquistata la “preda” il giovane cambia: diventa geloso, ossessivo, aggressivo. Cerca di isolare Lea dalle sue amicizie per averla solo per lui, per avere più potere su di lei. Lea si rende conto di essere entrata in una spirale di violenza, e decide di chiudere quella storia tossica. Una sera in macchina comunica al ragazzo che la loro relazione è arrivata al capolinea. Esce dall’automobile e si incammina per la sua strada. Lui non accetta quel rifiuto, e la investe con la macchina. Lea sopravvive per miracolo. Viene soccorsa da un automobilista che, avendo assistito all’accaduto, si ferma ad aiutarla e chiama i soccorsi. Poi la corsa in ospedale, dove Lea rimarrà per un mese. Nonostante le cure, Lea è riuscita a riacquistare soltanto il quaranta per cento della mobilità delle gambe. Per il resto della sua vita dovrà convivere con le conseguenze di quella violenza.

Sono trascorsi due anni e mezzo da quel tragico evento, ma il processo non è ancora iniziato. Il ragazzo è indagato per lesioni gravissime e la perizia parla chiaro in merito alle dinamiche di quella sera: si tratta di “investimento volontario”. Non è stato nemmeno mai emesso un provvedimento restrittivo per evitare che possano essere reiterate condotte violente nei confronti di Lea.

Quello non era amore. Questa non è giustizia.

Ilaria Bonuccelli, accompagna Lea ( nome di fantasia) nel coraggioso racconto della sua storia.

Buon ascolto!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.