NON ME LA SONO CERCATA. Perché la violenza non è colpa delle donne.

Copia di per ammazzarti maglio

PER AMMAZZARTI MEGLIO – Con Ilaria Bonuccelli e la partecipazione del prof. Massimiliano Annetta

ASCOLTA IL PODCAST

Un uomo tenta di ammazzare la sua compagna e uccide il loro figlio di appena un anno di vita. Questa tragedia si è consumata per colpa della donna. Ad affermarlo, nero su bianco, è l’Avvocatura dello Stato che, per difendere l’Italia dinanzi alla CEDU dall’accusa di non aver adeguatamente tutelato le vittime coinvolte in questo caso di violenza domestica, è stata financo capace di puntare l’indice contro la donna vittima di questo dramma.

E’ la sconcertante verità che Ilaria Bonuccelli ha rivelato in questa puntata di “Per ammazzarti meglio”, e che la politica ha tentato di tenere nascosta all’opinione pubblica.

Nella sua memoria difensiva, infatti, lo Stato italiano ha dichiarato che dal momento che è stata la stessa denunciante a revocare le querele contro il compagno, così come a consentirgli di vivere in casa con la famiglia, è ragionevole supporre che “come madre” non avesse ravvisato un reale pericolo per i figli. Diversamente sarebbe ricorsa ai normali rimedi previsti dalla legge contro la violenza domestica. Ergo, la responsabilità di quanto accaduto è della donna, che ha sottovalutato il rischio a cui stava esponendo se stessa e i suoi figli.

L’avv. Massimiliano Annetta che rappresenta la vittima davanti alla Corte Europea per i diritti dell’uomo – non ha dubbi sull’esistenza di una responsabilità in capo alle Istituzioni italiane. Non solo. Per il prof. Annetta questo caso è paradigmatico, nel senso che mette in luce quanto la normativa nazionale rappresenti un valido manifesto politico da esporre nei talk show, totalmente inadeguata però a tutelare i soggetti deboli.

E, a quanto pare, quando i riflettori televisivi sono spenti, le Istituzioni italiane non esitano a scagliarsi contro una donna vittima di un tentato omicidio da parte del compagno, che in questa tragedia ha perso suo figlio. La nostra coscienza riesce a ricondurre questo atteggiamento all’interno del legittimo diritto di difesa dello Stato in un giudizio?

Non possiamo nemmeno parlare di una “svista” dal momento che c’è un precedente: la sentenza Talpis del marzo 2017, con la quale la CEDU ha condannato l’Italia per aver violato gli articoli 2 ( diritto alla vita) e 14 ( diritto alla non discriminazione) della Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica ( Convenzione di Istanbul). Secondo la Corte di Strasburgo, le autorità italiane, avendo sottovalutato la vulnerabilità morale, fisica e/o materiale della vittima, nonché assunto un atteggiamento di passività, si sono sostanzialmente rese corresponsabili della violenza.

A breve la CEDU si pronuncerà in via definitiva su questo caso, e l’ennesima condanna per l’Italia appare scontata. Ad ogni modo, non c’è condanna internazionale che potrà salvarci da una sconcertante ambiguità politica, fatta di proclami, belle parole e un’indecente ipocrisia perbenista. Nel frattempo le donne e i bambini continuano a morire vittime di violenza, e i sopravvissuti non ottengono nemmeno giustizia.

Ilaria Bonuccelli, caposervizio Regione “Il Tirreno”

Massimiliano Annetta, professore di diritto procedura penale Università UIL

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.