RISIKO- L’alleanza tra Cina e Iran che minaccia l’Occidente. Con Antonio Albanese e Graziella Giangiulio, di AGC Communication

ore 15.00 - Risiko
ASCOLTA IL PODCAST

In questa puntata di Risiko, Antonio Albanese e Graziella Giangiulio, direttore e condirettore di AGC Communication, affrontano la spinosa questione dell’alleanza tra Cina e Iran, l’ennesima mossa dell’esercito del Celeste Impero per conquistare l’egemonia sull’Occidente.

E ancora una volta l’arma utilizzata da Pechino è quella del massiccio utilizzo di risorse economiche attraverso il controverso Piano della “Nuova via della seta” per la creazione di un corridoio economico che parte dal Pakistan e finisce in Iran, e che trasporta le merci cinesi verso l’Africa e l’Europa. L’Occidente lascia scoperti i fianchi e le altre potenze, come prevedibile, ne approfittano.

La situazione economica dell’Iran è al collasso, soprattutto a seguito della decisione dell’amministrazione Trump di uscire dall’accordo sul nucleare. In questa situazione – ci spiega Graziella Giangiulio – Teheran non ha potuto rifiutare l’offerta cinese, nonostante il prezzo da pagare sia molto alto: la rinuncia al 100 per cento della sua sovranità territoriale.

La questione Iran, tuttavia, è più complessa, perché dichiarare oggi guerra all’Iran – fa notare il direttore Antonio Albanese – vuol dire fare la guerra alla Cina e alla Russia. Gli equilibri geopolitici e geoeconomici stanno mutando velocemente a sfavore di un Occidente miope che non riesce a cogliere i segnali, soprattutto ad interpretarli secondo una prospettiva strategica globale, alla stregua dello stolto che guarda il dito anziché la luna.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.