SUPERBONUS. SI PARTE O NO?

CON IL SENATORE ANDREA DE BERTOLDI (FDI), COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL’ANAGRAFE TRIBUTARIA.

ASCOLTA IL PODCAST
sen. Andrea de Bertoldi

Sono 14 i miliardi messi a disposizione dallo Stato per il c.d. “Superbonus 110%“, introdotto dal Decreto Rilancio dello scorso maggio (art. 119 del decreto-legge n.34/20). Si tratta di detrazioni fiscali per interventi di riqualificazione energetica e rischio sismico, utilizzabili mediante uno sconto in fattura oppure con la cessione del credito di imposta. Una misura che rappresenta una grande opportunità per il rilancio del Paese, ma che rischia di essere vanificata a causa dell’estrema complessità della disciplina, in alcune parti financo contraddittoria. Troppi gli adempimenti e i dubbi interpretativi sulle singole disposizioni. Il rischio è di vanificare la portata di questa agevolazione, dal momento che molti professionisti davanti all’incertezza normativa si troveranno a desistere dall’utilizzare questo beneficio. A sostenerlo sono stati i rappresentanti dei diversi settori coinvolti, intervenuti nell’ambito dell’indagine conoscitiva svolta dalla Commissione Parlamentare di Vigilanza sull’Anagrafe Tributaria. In assenza di un intervento legislativo risolutivo, il compito di fornire un’interpretazione delle norme è ricaduto sull’Agenzia delle Entrate che, anche a seguito dei numerosi interpelli ricevuti, in questi mesi è intervenuta con due Circolari. Mercoledì mattina nella Commissione di Vigilanza Tributaria è stato ascoltato, per la seconda volta, il Direttore Generale dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, chiamato dalla Commissione a dirimere le criticità emerse durante la fase delle audizioni. Una relazione di oltre trenta pagine, fitte di tecnicismi, che vanno ad aumentare la mole normativa già esistente,e che non dirimono tutti i dubbi. E il direttore Ruffini ha annunciato una nuova e complessa Circolare, che sarà emanata tra un paio di settimane. Con il sen. Andrea de Bertoldi, che ha seguito tutto l’iter dell’indagine conoscitiva nella Commissione Tributaria, abbiamo cercato di commentare “a caldo” le dichiarazioni del direttore Ruffini. Si può uscire da questo impasse? A questa domanda il senatore de Bertoldi ha risposto con una frase pronunciata dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate al termine della sua audizione: “Non si può semplificare quello che nasce come complesso”. Eppure, una via d’uscita esiste: trasformare il lavoro encomiabile svolto dalla Commissione Tributaria in un pacchetto di proposte emendative, concordate tanto dalla maggioranza quanto dall’opposizione, da inserire nella prossima legge di bilancio. Il Paese non si può permettere di perdere questa promettente occasione di rilancio economico. Buon ascolto!

audizione Direttore Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.